ottobre 13, 2010

Coming out, Smutanda Reloaded

Il decalogo della single è stato il post più commentato nel sottobosco di questo blog. Dicasi altrimenti che, nonostante la sovrabbondanza di socialità e contatti 2.0, la gran parte delle persone ha preferito farsi sentire personalmente per manifestare simpatia, disapprovazione, approvazione, complimenti, spunte "celo celo manca", piaciuto, non piaciuto, preoccupazione nei miei confronti. Mi è persino giunta una glossa divertita abbastanza raggelante, a cui è seguita una seduta di analisi notturna in Skype sullo stato delle giovani donne single.
Quel che vi volevo dire, pubblicamente, è che sono l'ultima persona contenta di quel post. Perché è il risultato di due anni e mezzo di solitudine che pesano tantissimo.

E signori miei, ve lo dico un po' così, tra 'na riga e l'altra, da marzo 2008 a oggi la sottoscritta è stata coccolata e vezzeggiata per un totale di cinque minuti.
Dichiarazione dal potenziale socialmente devastante, ma tant'è, e me ne frego, vaffanculo non me ne vergogno. Punto e fine.
Non so che effetto possa fare il leggere una cosa così.
Penserete che sono una sfigata. Probabilmente lo sono.
Disinteresse anche. Cazzi miei, in effetti. A ben vedere sono anche io che evito le situazioni.
Pietà. E vabbé, c'è spazio anche per quella.
Io personalmente non avrei mai immaginato di riuscire a sopravvivere in condizioni del genere fino a ottobre 2010 e chissà ancora per quanto, poi. Ormai è così. Come dico qui accanto, nel colonnino, mi lascio scorrere senza attrito, comunque consumandomi.
Ricordo i primi mesi, mi sentivo soffocare, dovevo toccare qualcuno e non avevo nessuno da toccare. Poi il ricordo del contatto umano-fisico è incredibilmente sfumato nella mia mente. Tanto che quando mi avvicino a qualcuno me ne vergogno pure. Sembra di far una cosa tanto speciale (!!! coccole!!) da dovermi controllare, altrimenti esplodo in lacrime.
E' questo che fa paura?
Cosa fa paura?
Non ho avuto molta fortuna negli ultimi due anni e mezzo.


--

20 commenti:

Anonimo ha detto...

Ti capisco, sono in una situazione simile, diciamo single di ritorno per scelta altrui ^__^.
Quando sono rimasta single, N anni fa, era la prima volta da quando avevo 14 anni. Ho avuto due storie, finite queste... il nulla. Avrei potuto essere trasparente, da tanto che nessuno mi toccava, mi abbracciava, e tutto il resto del mondo andava in giro a coppie mano nella mano, si sposava, conviveva, faceva figli... già sai.
Sarà per quello che mi è piaciuto tanto il tuo post, perché ci leggo il rammarico di essere tra quelle che hanno dovuto farcela da sole, facendo di necessità virtù. Quelle che non credevano di sopravvivere, e invece sono sopravvissute, e riescono pure a farci dell'ironia e a far ridere gli altri.
Un abbraccio :)
Chiara M.

Elena ha detto...

Grazie del tuo messaggio :) Lo so che non sono sola e che un sacco di altre ragazze provano queste sensazioni. Solo che davvero è brutto pure quando ti dicono "eh sei libera di fare quel che vuoi". E io questa libertà la vorrei esercitare all'interno di una vita affettiva, anche perché, insomma, mi pare di aver qualcosa da dare. Ma ormai non ne sono poi più così sicura.
Ciauu
ele

Anonimo ha detto...

And the tears come streaming down your face
When you lose something you can't replace
When you love someone but it goes to waste
Could it be worse?

Lights will guide you home
And ignite your bones
And I will try to fix you

Quedex ha detto...

Anonimo, a parte che copypastare un pezzo di brano toccante e poi non firmarsi è da stronzi, o perlomeno indica autolesionismo da fatica sprecata.

(Se il tuo nick è "anonimo" mi scuso anticipatamente per l'insulto)

ma poi, il brano scelto è una schifezza. O meglio, parte bene e diventa una palla in divenire, roba che al diciottesimo Fix You speri di arrivarci a -7 sul par.

Inoltre la redattrice di questa invereconda pagina rosa è stata sconfitta a Singstar proprio su questo pezzo. Dal sottoscritto, che modestamente caga in testa anche a Julio Iglesias, ma la redattrice perde comunque sempre a Singstar, perchè nonostante si spacci per una adepta di GaGa in fondo è stonata come la Gruber.

Quando interpreta Zoey o Rochelle, invece, si comporta meglio. E' comunque complessivamente una schiappa, ma fino a metà missione, momento in cui tipicamente si addormenta, qualche Hunter lo sega, via, e a malincuore debbo sottolineare come mi abbia salvato il culo un paio di volte in una casa coloniale, mesi orsono.

Tutto qui, ci tenevo a consigliarti di uscire dall'anonimato. che mi pare come dire, di intuire che la redattrice soffra di una leggera carenza affettiva. Magari è il caso di farsi avanti.

Probabilmente ti piscia, ma è meglio di una vita stronza nella semioscurità, non trovi?

pace.

Elena ha detto...

Sono molto perplessa, Qued. Lo so che a L4D sono una sega, grazie per averlo sottolineato :) Però quella volta che ti ho salvato il culo arrivavo da un periodo che, se non ricordo male, giocavo quasi ogni sera quindi (parlando un po' alla Alessandra Valeri Manera) "Se mi impegno ce la faccio". Però, azzo, mica me lo ricordavo che ci siamo sfidati cantando Fix you. Quando mai è successo?
Lo piscio, sì. Minimo ha la morosa, se vuole rimanere anonimo.

Quedex ha detto...

Era tipo il terzultimo raduno, nella mia squadra c'era flx, venturo, il maderna. Dall'altra te, lo zio e forse Syb. In realtà ho vinto in what's my age again contro qualcuno che non eri tu, e perso sul filo di lana con te a Fix You, ma a me piace banfare anche quando non sono anonimo.

Che poi, sto fatto che tu riesca spesso a collegare gli anonimi a delle persone tramite ip e pucciacche intimorisce il pubblico. Desisti.

Ah, vengo ora dal tetto dell'ospedale, io Tommmasò, Delu e Holly, tutti salvi. Holly è molto più schiappa di te, ma d'altronde gioca con un mac e il magic mouse, mica si può pretendere.

Anonimo ha detto...

Mi spiace e mi scuso Elena se ti ho ferita con la mia uscita maldestra.
Anche io come Chiara mi sono riconosciuta tantissimo in quello che hai scritto, nella sofferenza e nella mancanza. Fix you è una delle tante canzoni che mi aiutano ad andare avanti, che ascolto sperando di trovare un Lui che me la canti, un giorno o l'altro.

Un abbraccio,
Paola

Quedex ha detto...

ah, emmm.

Scusa Paola.

la canzone è in effetti molto bella, così come il post.

Elena ha detto...

Ciao Paola :) Ecco Qued, vedi che c'era una donna di mezzo? :)
Io Fix you la sento cantare dagli amici, ecco. Non so se vorrei che me la cantasse un uomo, anche perché sono così tanto anti-candycandy di mio che non so se gradirei "essere crocerossinizzata". E non voglio essere salvata, non ne ho bisogno, gradirei solo avere (o provare ad avere) una (cazzo di) vita affettiva.
Cosa vorrei che mi cantasse un uomo... forse qualcosa di leggero e allegro per tirarmi su il morale :) Vincerebbe alla grande se dedicasse delle canzoni alla mia gatta.
Saluti anche da lei, la magicamagica Suzie, che sta qui tra me e la tastiera :)

Elena ha detto...

Qued, dovrei imparare a leggerli meglio, questi IP, altro che... e statcounter è a tratti vago.

Holly ha detto...

@ Qued: ERI NELLE FOGNE, ACCASCIATO E MORIBONDO IN FONDO ALLA SCALETTA. TUTTI ORMAI MORTI (in fondo è un gioco di zombie) MA A QUEL PUNTO UNA LUCE, UNA LUCE NERA, NEGRA, NEGRISSIMA... E CHI ERA!?! EEEH CHI ERA!?! SON TUTTI FROCI CON IL CULO DEGLI ALTRI MA IO TI HO SALVATO, CON IL MIO CULO NEGRO! RICORDALO!

Quedex ha detto...

Intendi dire dopo che ho segato da solo il Tank mentre voi tre vi facevate la pennichella?

si, mi sa che ti riferisci a quello, negro.

la prossima volta impara la strada, su quel cazzo di grattacielo. Stiamo ancora ridendo adesso nel vederti zoppicare girando alla cazzo, mentre un hunter si mangia il poco grasso rimasto a Tommasò.








Tutto questo detto sempre nel massimo rispetto del post sentimentale di rumilla, eh :D

Elena ha detto...

Siete adorabili, al risveglio :*

Holly ha detto...

Si, scusa Rumirù.
Tra l'altro, dopo aver zombettato, quella notte ti ho pure sognata.

Syb ha detto...

confermo episodio fix you, ricordo nettamente la partita. se non sbaglio ci fu anche uno splendido duetto tipo rumi-flx/robbie williams-nicole kidman, e io spaccai il culo a nettuno su lovefool :D

detto questo, sto autunno mette a dura prova anche i piu' coriacei

Angela ha detto...

Elena, mi unisco non-volentieri alla banda delle single per nn scelta e condivido situazioni e senzazioni che provi....un vero schifo direi :@

Vorrei aggiungere altro, ma poi temo di far diventare i puffetti più neri che rosa ://

Baci e abbracci, tanti. Quelli abbracci stretti, forti e sentiti, che fanno bene al cuore. Non sono la coccola che cerchi, ma visto che oggi è il tuo complenno li accetti lo stesso? :))


Angela

Elena ha detto...

Ciao Angela benvenuta qui, grazie per i commenti e tutto il resto :*

(Syb, ho rimosso anche il duetto con Flavio-Robbie Williams, la vita è crudelia, pensare che adoro l'autunno)

MCP ha detto...

VentiDieciVentiDieci: il compleday cade proprio lo stesso day del World Statistics Day, che alcuni buontemponi festeggiano con brownies a densità probabilistica. Mica una data qualsiasi, eh ;)

Elena ha detto...

eh lo so, MCP, ma anche oggi,per me, è stato un compleanno un po' triste. Io non so perché ma ho la capacità di rovinarmelo sempre. Sono l'eterna malcontenta. Peccato, era davvero una giornata che avrei dovuto organizzare diversamente.

MCP ha detto...

Bon courage: in fondo, tra poco e' gia' tempo di non-compleanno, festivita' piu' frequente e forse (ma si', via) piu' gestibile. Torta e te' inglese, se graditi, sono consentiti/consigliati.

 

Puffetti rosa - Un blog riaperto. Puffetti Rosa is Designed by Serena